Come Calcolare L'Importo Della Tassa Di Possesso Auto E Moto

di Francesca Grande difficoltà: facile

Come Calcolare L'Importo Della Tassa Di Possesso Auto E Moto   pitstopadvisor.com Spesso sbagliamo la corretta scadenza per il pagamento della tassa di possesso. C'è anche chi vuole conoscere in maniera dettagliata l'importo da pagare, per la tassa di possesso prima di recarsi in agenzia. Oggi ti spiego, con questa guida, come calcolare l'importo della moto e della tua auto. Ti spiego anche come fare per vedere i calcoli degli anni precedenti e per la scadenza.

Assicurati di avere a portata di mano: Pc con connessione ad internet targa del veicolo

1 Per calcolare l'importo della tassa di possesso per auto e moto, recati sul sito dell'Agenzia delle Entrate e cerca sulla parte superiore della pagina la sezione dedicata ai servizi on-line. Seleziona, automaticamente sulla pagina che ti si è aperta, cerca il link dedicato alla sezione dei servizi senza registrazione.

2 Seleziona Servizi senza registrazione, scorri la pagina e fai click sulla sezione dedicata al calcolo del bollo auto. Il calcolo può essere fatto inserendo la targa del veicolo, oppure i KW del veicolo. Sicuramente inserire la targa del veicolo ti da un calcolo preciso, e soprattutto totalmente automatizzato, almeno per quanto concerne l'anno in corso.

Continua la lettura

3 Clicca sul calcolo che preferisci, io ti illustro quello riferito alla targa.  Seleziona quindi calcolo per targa: Ti si apre una maschera dove devi inserire tipologia e targa del veicolo.  Approfondimento Come calcolare l'ammontare del bollo auto online (clicca qui) Seleziona calcola importo.  Adesso vedi sullo schermo tutti i dati relativi al tuo veicolo.  Scorri tutta la pagina, in basso gli importi del bollo in scadenza
Se hai bisogno del calcolo degli importi per gli anni passati, fai click su Richiesta in base ai dati del veicolo.  Inserisci manualmente i dati richiesti e precisa l'anno per il quale vuoi conoscere l'importo.

4 Approfondimenti e curiosità: La tassa automobilistica, o bollo auto (in precedenza denominata anche "tassa di circolazione") è un tributo locale, che grava sugli autoveicoli e motoveicoli immatricolati nella Repubblica Italiana, il cui versamento è a favore delle Regioni d'Italia di residenza. Il possesso si presume dall'iscrizione nel Pubblico Registro Automobilistico anche se è ammessa la prova contraria nei casi di cessione a titolo definitivo (vendita del veicolo), dei contratti per i quali la legge stabilisce che il soggetto obbligato è diverso dal proprietario, perdita del possesso (a seguito di un furto) o radiazione del mezzo (auto, moto, ecc.) ovverosia per tutti quei casi in cui è prevista e obbligatoria la registrazione nel PRA e, normalmente, ammessa anche in ritardo. Il costo della tassa di circolazione dipende dalla regione, ma anche dalla potenza del mezzo in chilowatt (escludendo i decimali), tenendo conto anche di altri fattori, come: Classe d'inquinamento, la classe d'inquinamento (Euro I, Euro II, ecc.), dove tanto minore sarà tale classe e tanto più si pagherà di bollo, soluzione introdotta nel 2010. Potenza superiore ai 185 kW, denominato anche "Superbollo", dove si ha un aumento calcolato in base alla potenza eccedente i 185 kW del mezzo (20 €/kW) e tassazione che si riduce con la vetustà del mezzo fino ad annullarsi a 20 anni di vita dello stesso, soluzione introdotta nel 2012. Inoltre, le Regioni hanno anche il potere di aumentare o diminuire gli importi dovuti.

Non dimenticare mai: Leggi attentamente la guida. Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://it.wikipedia.org/wiki/Tassa_automobilistica

Come calcolare il bollo moto Bollo auto: calcolo, esenzioni, riduzioni e rimborsi Bollo auto: tutto sul calcolo e il pagamento Come risalire all'importo del bollo auto

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli