Come guidare una minimoto

di Sara Nicoli tramite: O2O difficoltà: media

Una minimoto, come induce a pensare la parola stessa, è un modello in scala ridotta di una motocicletta. Si diversifica da essa, oltre che per le dimensioni, in quanto è consentito guidarla unicamente su piste e circuiti chiusi, anche se di recente alcuni modelli sono stati omologati anche per un uso su strada. I motori delle minimoto si suddividono in due categorie fondamentali: motori con raffreddamento ad aria e motori con raffreddamento a liquido. Questi ultimi hanno una potenza di circa 14 cavalli, mentre i motori ad aria hanno delle prestazioni più limitate. Ecco di seguito una serie di consigli su come guidare una minimoto.

1 Innanzitutto ricordate sempre che le minimoto, anche se di dimensioni ridotte, sono pur sempre dei mezzi di trasporto a due ruote, quindi è necessario salvaguardare la propria salute indossando le adeguate protezioni: casco in primo luogo, che dovrà essere sempre ben allacciato, ma anche protezioni per caviglie, ginocchia, schiena e braccia. Questi piccoli motori possono infatti raggiungere velocità pari a 80/ 100 km orari, pertanto una caduta senza protezioni potrebbe comportare grossi rischi per la vostra salute.

2 Il secondo aspetto da considerare è strettamente connesso con le ridotte dimensioni del vostro bolide. Rispetto alle moto di dimensioni standard, infatti, il cui peso favorisce il mantenimento dell'equilibrio su strada, a meno di non sbandare o scivolare sull'asfalto bagnato, le minimoto possono essere piuttosto difficili da governare perché, essendo piccole e molto leggere, il loro equilibrio è più instabile. Dovrete pertanto esercitarvi molto nel trovare la posizione migliore per mantenere l'equilibrio del mezzo mentre è in movimento.

Continua la lettura

3 Sempre al fine di mantenere la minimoto in equilibrio, dovrete assecondare col vostro corpo i movimenti del veicolo sul circuito, spostandovi in avanti allo start di partenza e sui rettilinei in cui avete la necessità di accelerare.  Questi movimenti oltre a favorire l'equilibrio consentono anche di controllare il mezzo e migliorare le sue prestazioni, sopratutto se state affrontando una gara.

4 Sempre a causa del peso ridotto, fate molta attenzione anche al momento della frenata. In quel caso, anziché in avanti, il vostro corpo dovrà spingersi verso il retrotreno, ossia spostarsi all'indietro. Questa parte merita un'attenzione particolare, poiché è facile mentre si esegue la manovra che il peso si sposti troppo, finendo per alleggerire la parte anteriore della moto causando la caduta.

5 La prerogativa di una minimoto è quella di tenere sempre la velocità al massimo dei livelli. Per questo, quando si è in curva, è consigliabile spostare il baricentro verso l'interno della curva stessa, facendo in modo che le protezioni del ginocchio (dette anche "saponette") sfiorino appena l'asfalto. Ricordate che se state guidando una moto con motore a liquido le vostre azioni dovranno essere decisamente più ponderate, altrimenti la forza dei cavalli vi sbalzerà via.

6 Ultimo consiglio: cercate di servivi dell'aumento o della diminuzione del gas con cura, senza esagerare. Soprattutto in curva, per migliorare la direzione presa dalla minimoto o per ridurre la velocità, sarà sufficiente tirare il freno posteriore. Questo ridurrà il rischio di pericolosi slittamenti. Coraggio, dunque, cosa aspettate a montare subito in sella ad uno di questi bolidi?

Non dimenticare mai: Ricordate sempre di indossare il casco e le adeguate protezioni.

Come far ripatire una mini moto dopo un periodo di ferma Come iniziare a correre in moto Tutto sui quad Come guidare la moto sotto la pioggia: regole di sicurezza

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli